Stampa

Le Convenzioni di inserimento lavorativo

Postato in Cooperativa Applica

L'articolo 5 della legge 381/91 prevede la possibilità, per gli Enti Pubblici, di stipulare convenzioni con le cooperative sociali di inserimento lavorativo iscritte all'albo regionale "anche in deroga alla disciplina in materia di contratti della Pubblica Amministrazione" per importi inferiori alle soglie comunitarie. Quindi la fornitura di beni e di servizi può essere affidata direttamente a cooperative sociali di tipo B senza bisogno di procedure di gara, a fronte dell'inserimento di uno o più soggetti svantaggiati del territorio.

Perché stipulare Convenzioni con Cooperative sociali di tipo B

Le convenzioni art.5 legge 381/91 sono finalizzate a creare opportunità di lavoro per soggetti in condizione di svantaggio. Oltre ad incrementare l' occupabilità e ad assolvere un ruolo di responsabilità sociale territoriale, le convenzioni comportano anche un beneficio economico per la collettività. Infatti, l'assunzione del soggetto in condizione di svantaggio, crea le condizioni per la cessazione di costi per assistenza ed ammortizzazione sociale che erano stati lui destinati. La persona con svantaggio, inoltre, gode della possibilità di un re-inserimento lavorativo attentamente monitorato, frutto della collaborazione tra i servizi sociali di riferimento e la Cooperativa Sociale.

Questo sito utilizza i cookie di terze parti (leggere la pagina informativa per approfondimento). Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.Visualizza la nostra privacy policy.

Accetto.